-:-Contrordine, compagni» versione 2.0. Pochi mesi fa, i giornali italiani facevano eco – in estasi – al velenoso Guy* Verhofstadt. che, a Strasburgo, aveva epostrofato Giuseppe Conte come «un burattino di Salvini e Di Maio». Essendo forse cambiati i burattinai, e mutato anche Iatteggiamento dei nostri grandi media, che ora descrivono favvocato del popolo come uno grande statista, un maestro di politica e pensiero. Dimenticate i sarcasmi sulla pochette o sul curriculum: adesso il premier e in una ideale teca. ha un altare t.ulto suo, una via di mezzo t.ra il Padre Pio di cui e devoto e un padre della patria giallorossa. Il più lirico, letteralmente fuori categoria, È: Giuliano Ferrara, in preda a un”eccitazione incontenibile_ Ecco due perle (rare, come Conte secondo Di Maio) su Twitter: vflonte. sempre Conte, supremamente Conte», «Aprite le porte a Gonde» (pronuncia pugliese, presumiamoI_ Ma e sul Foglio che Ferrara ha dato il meglio, descrivendo il suo nuovo eroe: -< Ha evitato lo sforamento baldorioso del delicit l_._). ha evitato un paio di procedure diinfrazione contro l’Italia (___), ha spiegato alla Merkel in un video fatale che il Truce era un rompicoglioni incontrollabile»_ Il Truce sarebbe Salvini. E Conte ha vinto il duello. barrisce felefant.ino: «Se l`è cucinato a puntino, mettendo il limone nel posto giusto nella sublime porchetta». Morale: «Il comportamento di Conte e stato la perfetta espressione del discrimine che (___) separa la coerenza dal masochismo_ (___) La coerenza a volte e solo l”ultimo rifugio delle canaglia». Entusiasmo condiviso dalliattuale direttore del Foglio, Claudio Ceraso, esultante per il fatto che l`Italia abbia «un nuovo governo: l`l1uropa». Avete capito bene: «l”unica svolta possibile» à «fare del prossimo esecutivo il laboratorio europeo delfantisovranismo». Eccitazione da pilota automatico o da guinzaglio, insomma. Nel sottotitolo dell’editoriale dell”alt.ro ieri di Cerasa. compariva anche un significativo «Slurpl »_ Intanto, nelle pagelle assegnate ieri dal Corsaro ~[a firma di Roberto Gressi), il premier sie preso un rotondo 7′. Ecco le motivazioni: «Lascia al palo Di Maio e Salvini che hanno creduto di poterlo manipolare. Per riuscire non e detto che sia indispensabile non avere macchie di sugo sulla cravatta e non masticare con la bocca aperta, pero aiuta». Eil miniritratto accosta Conte al Mister Wolf di Pulp Fiction {c_|.’.ello di «Risolve problemi»)_ Un trionfo. Duegiorniprima_,sempreil Corriere la firma di Marco Galluzzo) si era superato: « solida credibilità politica e umana», «uno stile fatto divari ingredienti: pazienza e spirito di sacrificio. competenza e autonomia-_ «uno standing conquistato sul campo anche sui tanti complicati tavoli internazionali», «doti di qualità, pazienza, temporanea». Su Lo Stampa, e Andrea Malaguti ad allestire l`altare dedicato a Conte, con tanto di foto (mini)napo_eonica: «Impossibile odiarlo, più facile sottovalutarlo_ Grave errore, perché l`avvocato del popolo difficilmente si fa distrarreil miniritratto accosta Conte al Mister Wolf di Pulp Fiction {c_|.’.ello di «Risolve problemi»)_ Un trionfo. Duegiorniprima_,sempreil Corriere la firma di Marco Galluzzo) si era superato: « solida credibilità politica e umana», «uno stile fatto divari ingredienti: pazienza e spirito di sacrificio. competenza e autonomia-_ «uno standing conquistato sul campo anche sui tanti complicati tavoli internazionali», «doti di qualità, pazienza, temporanea». Su Lo Stampa, e Andrea Malaguti ad allestire l`altare dedicato a Conte, con tanto di foto (mini)napo_eonica: «Impossibile odiarlo, più facile sottovalutarlo_ Grave errore, perché l`avvocato del popolo difficilmente si fa distrarre dagli obiettivi, e quasi mai li manca». E ancora: «Abile, furbo, educato, innamorato del figlio e mai divisivo, le riuscito a costruirsi un universo di relazioni straordinariamente largo che riesce a coltivare e a non ostentare». Fino alla profezia delle profezie, quella di «una salita al Colle non tanto per ricevere mandati, quanto per distribuirne». Avete capito bene: già presidente della Repubblica in pectore, con tre anni di anticipo. Su Repubblica, e stato mobilitato Francesco Merlo, firma di punta addetta ai Grandi Lut.t.i o ai Grandi Omaggi le ieri non era giorno di lutti)_ Per Merlo, Conte è «il quasi premier che ha castigat_o gli spacconi», in un tripudio di «giacche di sartoria, colonia al limone, gemelli ai polsi». E ancora: «l’aria tranquilla, serena, conversativa, amabile e indulgente_._». Mancano solo le testimonianze delle guarigioni procurate, ma ci si sta lavorando.